Amazing Comics - Quotidiano di informazione sul fumetto

 

@SCRIVETECI@  Aspettiamo critiche, consigli ed idee. Siamo alla ricerca di nuovi collaboratori! @MAIL US@

 

Expocartoon 2002

di Matteo Losso

 

Durante l'ultima edizione dell'Expocartoon avevamo dedicato alla storica kermesse romana un reportage davvero speciale, aggiornato ogni giorno praticamente in diretta dalla fiera. Quest'anno, viste le apocalittiche premesse, non ci abbiamo minimamente pensato e, a fiera da lungo terminata, penso proprio che abbiamo fatto la scelta giusta, sebbene abbiamo deciso comunque di realizzare anche un reportage fotografico. Forse qualcuno di voi si starÓ chiedendo quali possano essere le cause del nostro preventivo disinteresse alla copertura globale dell'evento. A parte lo scarso battage pubblicitario della kermesse e le promesse non mantenute dalla passata edizione (la tanto attesa mostra dedicata a John Buscema, ad esempio), la sfiducia si sintetizza nel titolo della manifestazione che da "Salone internazionale dei comics, dei film di animazione e dell'illustrazione" Ŕ diventato "Media Gate Show", mantenendo la dicitura originale solo come sottotitolo in secondo piano. La "sterzata" che gli organizzatori vorrebbero dare alla loro creatura Ŕ lampante e la nuova denominazione lascia ben poco da sperare per le edizioni future, che sembrano orientate ad attirare gli appassionati di DVD o di consolle piuttosto che quelli della letteratura disegnata.

GiÓ da questa edizione sulla bilancia degli spazi il peso dell'hitech Ŕ aumentato in maniera considerevole, andando ad occupare interamente il Palazzo delle CiviltÓ Italiane e relegando sia le mostre che l'area degli stand fumettistici al solo Salone delle Fontane. Pur riconoscendo la "nobiltÓ" di queste sale, Ŕ doveroso constatare come non si tratti di aree attrezzate per eventi di tipo fieristico, anche se spazi pi¨ ampi avrebbero corso il rischio di sembrare ancora pi¨ vuoti per la scarsa presenza di pubblico, probabilmente legata anche alla pochezza degli espositori. Fra le note peggiori della manifestazione, infatti, c'era un'area stand senza la presenza di editori (a parte la Periodici San Paolo e la Bonelli, con la solita sfilata di autografatori) e con pochi stand, senza nessuna novitÓ di particolare rilievo, ma anzi con un mercato abbastanza stagnante ed un pubblico annoiato e poco invogliato all'acquisto.

A salvare la situazione, fortunatamente qualcosa di interessante Ŕ stato possibile vederlo fra le mostre e gli incontri col pubblico. Tra gli ospiti della manifestazione, infatti, vanno citati Jordi Bernet, Massimo Mattioli, a cui Ŕ stata dedicata anche una bella mostra, Alfredo Castelli e Rodolfo Torti, nonchŔ una serie di autori bonelliani, fra cui cito solo Mario Rossi e Stefano Casini, di cui pubblichiamo una bella illustrazione di Nathan Never che ha autografato per noi in fiera.

Molto valide ed interessanti alcune delle mostre. La mia preferita Ŕ stata quella dedicata a Antonio Fara, una galleria di tavole e prove davvero ricca di materiali originali e molto rappresentativa del percorso artistico del disegnatore sardo. Molto interessanti anche la personale di Spartaco Ripa e le mostre di tavole originali realizzate da Sergio Toppi per "Federico II", da Rodolfo Torti per "Costantino" e da Massimo Mattioli per il suo "Pinky". Simpatica anche la galleria di copertine delle edizioni straniere di materiale Bonelli: Ŕ incredibile in quanti paese vengano pubblicate le avventure di Tex & Co.!

Nathan Never (c) Bonelli - Illustrazione di Stefano CasiniLa manifestazione si Ŕ rivelata molto carente anche dal punto di vista dell'ospitalitÓ alle fanzine. Oltre alla triste (e giÓ sviscerata nel Reportage dal Romics) situazione del panorama fanzinaro nostrano, Expocartoon continua nella pessima tradizione di costringere le 'zine (o presunte tali) all'esterno dei padiglioni della Fiera. Diversamente dalla passata edizione, il perimetro del Salone delle Fontane era ampiamente transennato e non era possibile accedere all'"area fanzine" (?) senza entrare di fatto nella mostra (!), ma mi sembra una magra consolazione. A parer mio si tratta di una vera e propria mancanza di rispetto, che umilia le aspirazioni ed il lavoro dell'intero movimento. E mi viene da pensare che se una singola 'zine non ha alcun peso, invece l'unione fa la forza ed un gruppo compatto di VERI fanzinari potrebbe far sentire la propria voce ed ottenere un trattamento quantomeno decente... PerchŔ non pensare seriamente ad una "coalizione di fanziners" che porterebbe vantaggi a tutto il settore? L'unico aspetto positivo dello Spazio Fanzine, al momento, Ŕ che dietro ed attorno a questi tavoloni continuano a circolare una serie di amici e collaboratori, che Ŕ un piacere incontrare di persona, gente tosta e del settore come lo scrittore Paolo Grasselli, la disegnatrice Samantha Pollini (aspettate di leggere il loro progetto fantasy...), il grande artist Federico Distefano, l'insostituibile Barbara Giorgieri o i mitici Guercio & Bruce Banner (big up a tutti i forumisti paninicomics!).

Per concludere... Questa Expocartoon Ŕ stata godibile solo per qualche incontro fortuito ed un paio di mostre, pochi fattori che onestamente non giustificano la salata spesa per il biglietto di ingresso, specialmente se si considera che anche gli standisti pagano i loro spazi espositivi. Dal 30 Aprile al 4 Maggio 2003 si svolgerÓ la nuova edizione di Expocartoon, ma se le premesse saranno ancora queste, onestamente non so se ci andr˛...

 

NON PERDERE LE FOTOGRAFIE DALL'EXPOCARTOON

 

(20/12/2002)

 

   

 

www.amazingcomics.it